martedì 22 aprile 2014

Chanel Delikatessen - Fall Winter 14/15

Two-tone patent leather ballerina
Press Day Chanel Fall Winter 2014/2015: Chanel transform runway into fashion supermarket. In this post my choice of accessories, brooches, jewelry, bags.
You can translate this post by clicking on the right.


Press Day Chanel con tutte le novità per il prossimo Autunno inverno 2014/2015.
Gli appassionati e gli addetti ai lavori ricorderanno l'ultima sfilata firmata Karl Lagerfeld, allestita come di consueto al Grand Palais. La particolarità della scenografia erano gli scaffali del supermercato dove le modelle si aggiravano come normali donne che scelgono i loro acquisti, indossando però iconici cappotti e comode sneakers. Impossibile dimenticare questa sfilata che a parere mio è GENIALE, non solo per la maniacalità con la quale ogni oggetto è stato creato e disposto, dai cereali Coco Flakes all'olio di oliva con l'immagine di Gabrielle Chanel, dai biscotti con il logo al Liquore Boy Chapel.
Tutto è stato brandizzato, tutto disposto alla perfezione, Karl Lagerfeld ha superato se stesso e il successo è stato planetario.
Gli accessori sono iconici, divertenti, classici e rivisitati, un valore della Maison che riesce sempre a reinterpretarsi senza mai cadere nella ripetizione.
Ecco a voi una carrellata di ciò che mi è piaciuto e mi ha divertita di più.
Buona visione!


Purple tweed Camellia brooch
Yellow plexiglas cuff with a central pearl and an enameled cross
Navy blue grained leather BOY CHANEL wallet
Multi-row pearl necklace
Camel leather and tweed BOY CHANEL bag
Beige shearling bag with pearls and a CC lock

Black leather bumbag
Black plexiglas jewellery box
Transparent plexiglas cuff with multicoloured polyester candies
Pink leather and PVC bag
Two-tone leather pump
Black plexiglas and silver metal cuff with pearls, soda can effect
Basket in metal interlaced with black leather
Black embroidered leather BOY CHANEL bag
Silver leather bag
Black leather short boot
Orange leather tote bag


Credits: Chanel  

lunedì 21 aprile 2014

Polynesian Diary - Moorea 4


After a morning at the beach we leave for the tour of Moorea.
Francky Franck is our Guide who will take us to the discovery of the island: tropical garden, pineapple's fields, ancient temples and fantastic belvedere.
You can translate this post by clicking on the right.



Mattinata di relax in spiaggia, mentre al pomeriggio faremo un tour dentro l'isola di Moorea.
La giornata è bellissima e alle 13 partiamo con una guida simpaticissima: se venite a Moorea tutti, ripeto tutti, dovete fare il tour con Francky Franck, perché semplicemente lui è fantastico e il giro spettacolare.
Vedrete punti strategici dove scattare fotografie panoramiche, visiterete la fabbrica di succhi di frutta dove sarà possibile degustarli (mango e ananas i miei preferiti), poi raggiungerete dall'interno la Baia di Cook e quella di Opunohu.





Francky vi porterà anche al Tropical Garden dove vi spiegherà e vi mostrerà diversi tipi di fiori tra cui splendide orchidee e frutti.
Meravigliosa la vista da quassù e il cocktail di papaia e ananas preparatoci frullando frutta fresca sul momento è decisamente il miglior cocktail che io abbia mai bevuto.
Il simpatico fuoristrada ci condurrà nei punti panoramici delle due baie e in mezzo alle piantagioni di ananas, il frutto più coltivato della Polinesia, che qui ha un sapore naturalmente speciale.
Guadiamo piccoli fiumi e raggiungiamo un belvedere che toglie il fiato, dove la montagna si fonde con il mare e il verde del bosco con il turchese dei fondali.






Un viaggio in Polinesia è tutto questo, un continuo stimolo sensoriale da cui non si ha scampo.
Visitiamo i Marae, luoghi sacri dove venivano eretti templi pagani e dove si facevano i sacrifici: prima dell'arrivo di Cook e successivamente dei primi missionari, sulle isole era molto diffusa la pratica del sacrificio e quella del cannibalismo.
Ultima tappa, Francky ci chiede se soffriamo di vertigini o che altro, poiché ci porterà sulla montagna Magica.
Ignoriamo il perché si chiami Magica, ma vista la strada ripidissima, stretta, impervia e a strapiombo, deduco che si chiami Magica poiché è una magia arrivarci sani e salvi.
Ne vale la pena, la vista qui è spettacolare e lascia senza parole, bisogna solo guardare e ringraziare l'Universo che ci offre delle meraviglie simili sul nostro pianeta.






Scendiamo giù sull'unica strada che percorre l'isola di Moorea in tondo e Francky ci regala un diversivo: anziché tornare indietro ci riaccompagnerà al Sofitel facendo tutto il giro dell'isola compresa tappa al supermercato.
Mentre ritorniamo il sole tramonta sul porto, in lontananza si vedono le torri luminose che segnalano i passes, ossia le aperture sull'oceano della barriera corallina mentre una grande nave sta per entrarvi.
Il profumo del tiarè con l'umidità della sera pervade l'aria e noi ci sentiamo leggeri e felici perché, al di la della meraviglia di un viaggio così, il valore aggiunto sono i rapporti umani che si creano, le persone, i profumi, i colori e le sensazioni.
La vita.





Credits
Franco Olivetti - photographer
Federica Congedo - Agente di Viaggio
Viaggiare - Agenzia Viaggi 
Hotel Plan - Tour Operator
Tahiti Nui Travel - Agenzia Partners in Tahiti
Air Tahiti Nui - Compagnia aerea polinesiana

sabato 19 aprile 2014

Ladurée and Hotel de Russie in Rome: Happy Easter!


A unique collaboration between Maison Ladurée and Hotel De Russie: Easter and spring are mixed togheter in this wonderful roman location. A pyramid of yellow macarons and beautiful flowers, sweet tasting, gift in the room and special cocktails.
You can translate this post by clicking on the right.


L'Hotel de Russie, una istituzione romana che si trova in via del Babuino tra Piazza del Popolo e Piazza di Spagna, si incontra con la Maison Ladurée, una istituzione francese famosa in tutto il mondo.
Sono stata in Hotel l'altro giorno e ne sono uscita entusiasta per mille motivi, tra cui la vista di tanta bellezza.



Come rendere speciale una Pasqua? Creando una scenografica piramide di macarons gialli ripieni al cioccolato e aromatizzati al bergamotto e vestendo angoli dell'Hotel con raffinate composizioni floreali create dal famoso flower designer Sebastian Bierings. Non è tutto.
I fortunati ospiti troveranno nelle loro camere scatole di macarons da collezionare, al bar Strawinsk un cocktail speciale, il Macaron Martini Cocktail e, a Pasqua e Pasquetta un brunch nel favoloso Giardino Segreto dove lo chef Fulvio Pierangelini utilizzerà gli iconici dolcetti francesi per decorare i piatti da lui creati per l'occasione.
Una Pasqua davvero buona, dolce e colorata.









Via del Babuino, 9
Roma

ph Tiziana Cosso